Le 10 Grotte da Visitare piu’ Belle d’Italia

L’Italia a detta di tutti è uno dei posti più belli da visitare; oltre alle grandi località turistiche spesso il nostro Paese nasconde delle vere e rare perle di bellezza sconosciute anche agli stessi italiani. Ed è il caso delle grotte, un mondo sotterraneo profondamente affascinante, carico di mistero, di romanticismo e di assoluta magnificenza.

Moltissime di queste meraviglie naturali sono accessibili a tutti e le grotte da visitare sono un’occasione imperdibile sia per una visita romantica con il proprio partner, ma anche con la propria famiglia, posti incantati dove i bambini rimarranno letteralmente a bocca aperta di fronte a questi luoghi ricchi di colore, fantasia e bellezza.

Ma quindi quali sono le grotte da visitare? Ne abbiamo raccolte 10, tra le più belle, sparse su tutto il territorio; da Nord a Sud sarà una sorpresa scoprire la presenza di una grotta a pochi chilometri da casa.

 

Le 10 grotte più belle

Le Grotte di Castellana

In Puglia troviamo le Grotte di Castellana, una cavità di origine carsica, che raggiungono in 122m di profondità. La temperatura si aggira sui 16.5° durane tutto il corso dell’anno. Sono disponibili due itinerari, uno parziale di 1km e uno completo di 3km, durante i quali visitare caverne, fossili, scenari mozzafiato, stalattiti e stalagmiti di grande fascino e bellezza.

 

Le Grotte di Morigerati

È un’Oasi del WWF situata nei pressi del borgo omonimo in provincia di Salerno, in Campania, reale tripudio della meraviglia che la natura può offrire. Alle Grotte di Morigerati, dalle quali nasce un grande fiume (il Bussento), si accede passando da un’imponente portale di oltre trecento metri di altezza, e ci si trova davanti a quello che viene considerato un tempio di bellezza, un canyon di vegetazione (come lo definisce il WWF) esteso per oltre seicento ettari e dove ammirare, tra le altre cose, le cascate, l’abbondante e variegata vegetazione e le colate cristalline dove le acque sono più consistenti.

 

Le Grotte di Frasassi

Nelle Marche, più precisamente in provincia di Ancona, sono assolutamente da visitare le Grotte di Frasassi che si snodano su un percorso lungo oltre 30km in 8 differenti livelli geologici. Una testimonianza importantissima dal punto di vista scientifico, oltre che sito dove ammirare, tramite tre diversi percorsi (quello turistico, quello blu e quello rosso) le sculture rocciose formatesi da 190 milioni di anni a questa parte grazie alla continua opera dell’acqua e alle stratificazioni calcaree.

 

Le Grotte del Cavallone

Arriviamo in Abruzzo per ammirare le Grotte del Cavallone, nel cuore della Majella, in provincia di Chieti. La struttura della grotta, lunga circa 2km, si compone di una galleria principale e altre tre diramazioni. È possibile visitare all’incirca 1km di tutto il percorso ammirando luoghi di sublime bellezza che il solo nome suggerisce magnificenza e grandiosità, come la Foresta incantata, la Sala della Statue e la Sala degli Elefanti.

 

La Grotta di Bossea

In Piemonte, in provincia di Cuneo, è possibile visitare la Grotta di Bossea, considerata una delle più belle per varietà di aggregazioni calcaree e di acqua che per oltre 2km, a una profondità di circa 200m, continuano a modellare questo luogo. All’interno della Grotta di Bossea, infatti, è presente un torrente che rende questo luogo in evoluzione costante.

 

Le Grotte di Toirano

In Liguria, provincia di Savona, sono aperte al pubblico le Grotte di Toirano, famose per la grande varietà di stalagmiti e stalattiti. Lungo il percorso di 1.3km è possibile ammirare le composizioni rocciose, un laghetto sotterraneo e i resti delle tracce del celebre homo sapiens. Ma a rendere davvero suggestivo e unico questo posto è la presenza di un crostaceo preistorico che è sopravvissuto fino ad oggi.

 

La Grotta del Gigante

Vicino Triste (Friuli Venezia Giulia) troviamo la Grotta del Gigante. Il nome non inganna se si pensa che qui è presente la grotta con la sala naturale più ampia al mondo, tanto da entrare nel 1995 nel Guinness dei Primati. Oltre alle dimensioni degli ambienti per effettuare la visita bisognerà percorrere più di 500 gradini (all’andata e altrettanti al ritorno).

 

La Grotta del Vento

Il nome suggestivo di questa grotta, situata in Toscana, in provincia di Lucca, lo si deve alla continua attività degli agenti atmosferici che nel corso dei secoli hanno scavato e lavorato le pareti rocciose, formando le celebri sculture della Grotta del Vento. Per visitare gli oltre 4500m di lunghezza è possibile usufruire di 5 differenti itinerari, di diversa durata, tra cui due percorsi avventura.

 

Le Grotte di Pastena

Prosegue questo viaggio tra le grotte da visitare e arriviamo nel Lazio, in provincia di Frosinone, dove troviamo le Grotte di Pastena. Oltre alla bellezza di ambienti maestosi ricchi di concrezioni calcistiche, questo sito è importante anche per i numerosi reperti di sepolture che sono stati rinvenuti e risalenti all’Età del Bronzo e al Neolitico.

 

Le Grotte di Su Mannau

Come il nome fa facilmente intuire, le Grotte di Su Mannau si trovano in Sardegna, nella provincia di Carbonia Iglesias. Le grotte si distendendo per 8.5km e nel tratto riservato ai turisti è possibile ammirare laghi verde smeraldo e giochi d’acqua meravigliosi. In questo sito, inoltre, sono stati ritrovati manufatti di origine nuragica, fenica e romana. In aggiunta sono presente diversi percorsi all’interno della Sala del Sonno, il Salone Ribaldone e la Sala Vergine, con una crescente difficoltà.