Calabria 2020: come trascorrere le vacanze in sicurezza

La Calabria si prepara ad accogliere i turisti a cui offrirà le bellissime spiagge e le bellezze naturali che la caratterizzano.

I visitatori avranno l’obbligo di registrazione prima di arrivare a destinazione, proprio per avere delle tutele contro il Coronavirus.

I moduli da compilare

Nella registrazione obbligatoria, andranno inseriti i propri dati personali, e va indicata la provenienza, la destinazione e la durata del soggiorno.

Nel caso dovessero manifestarsi dei sintomi, bisogna fare un comunicato da trasmettere all’Azienda Sanitaria del Territorio ed in base alla valutazione che essa effettuerà, si potrà ricorrere al tampone.

Le misure anti-Covid-19 

La regione ha deciso di dotarsi di precauzioni necessarie anche nelle zone balneari.

Gran parte del litorale calabrese è dedicato alla spiaggia libera, dove sono disponibili molti spazi che garantiscono il distanziamento sociale.

Sono state emanate ulteriori regole valide per i Comuni, che sono liberi di decidere se avvalersi di altre precauzioni.

Nel caso de “ il Sunset Beach Club” di Palmi, esiste un’applicazione che consente di prenotare una postazione sulla spiaggia e, solo per i mesi di luglio e di agosto, sarà possibile essere serviti dal bar dello stabilimento.

Le case vacanza sono molto richieste, e a Praia a Mare, il Comune ha stabilito che ogni casa può ospitare solamente un nucleo familiare composto al massimo da 3 adulti e i bambini.

Bisogna comunicare l’arrivo 15 giorni prima della data prevista e portare un’autocertificazione del proprio stato di salute, soprattutto nel caso in cui si vogliano praticare anche attività particolari come il noleggio di barche a motore.

Va inoltre comunicata la possibilità di essere sottoposti ad un rapido test sierologici offerto dai gestori delle strutture turistiche.

I parchi acquatici calabresi 

La riapertura non è prevista per tutti i parchi, ma il parco Odissea 2000 di CoriglianoRossano a Cosenza riaprirà i battenti al pubblico il 18 luglio.

Disporrà di misure anti Covid19 e sarà obbligatorio prenotare a causa di un calendario di ingressi scaglionati. Si potrà prenotare online recandosi sul sito ufficiale del parco acquatico.

I siti archeologici e i musei della regione 

Il Museo dell’Archeologia di Reggio Calabria nel quale sono ospitati i Bronzi di Riace, ha riaperto le porte al pubblico ma ponendo delle norme di sicurezza e consentendo l’ingresso ai gruppi di massimo 10 persone tramite prenotazione.

La sosta per ogni sala è consentita per un massimo di 20 minuti.

Per prenotazioni telefoniche chiamare il numero 3207176148 o visitare il sito della Kore.

Per quanto riguarda il Parco Archeologico dell’Antica Kaulon a Monasterace l’ingresso è consentito a piccoli, mentre al museo adiacente si può entrare 4 per volta.

Il sito archeologico di Scolacium ospita le rovina dell’antica Grecia e prevede un accesso di massimo 15 persone.

Si può prenotare tramite il numero telefonico 328.2462268 oppure collegandosi al sito di Armonie d’Arte.

Per quanto riguarda i parchi naturali, a giugno sono ritornate all’opera le guide ambientali dei Parchi della Sila, dell’Aspromonte e del Pollino ma le visite non devono superare le 12 unità e se si vogliono ulteriori informazioni risulta utile consultare le guide ufficiali relative ai parchi con i contatti in caso di necessità.